Lago Blu, il riflesso del Monte Cervino – Valtournenche

Valtournenche-lago-blu-cervinia-monte-cervino

Nell’incantevole Valtournenche, al confine tra Val d’Aosta e Svizzera, il Monte Cervino si staglia verso il cielo e si specchia nelle acque color smeraldo del lago blu. Vaste praterie verdeggianti, boschi di conifere e una schiera di vette oltre i 3.000 metri danno vita ad un paesaggio alpino straordinario in località Cervinia

Autore: Raianaraya Nature Experience

La Val d’Aosta è costellata di vallate selvagge e catene montuose alpine tra le più elevate e affascinanti d’Europa. Il Monte Bianco domina la scena imponendosi sulle sottostanti Val Veny e Val Ferret. il Gran Paradiso svetta verso il cielo e offre uno scenario mozzafiato nell’omonimo Parco Nazionale grazie alle sue valli senza tempo come la Valsavarenche, la Val di Rhêmes e la Val di Cogne. Inoltre, nella sezione più a Nord delle Alpi Pennine valdostane sorge una delle montagne più singolari d’Europa e del Mondo, il Monte Cervino che si specchia nel lago blu.

La Valtournenche è una valle valdostana settentrionale a confine con la Svizzera. Lussureggiante e molto attrattiva, questa vallata è conosciuta in tutto il mondo per il mitico monte Cervino, 4.478 metri s.l.m., anche noto sul versante svizzero come Matterhorn. La piramide scolpita dalla natura colpisce per i suoi tratti netti e acuminati che la rendono tra le montagne più affascinanti del pianeta e al contempo, una delle vette più difficili da scalare.

Ai suoi piedi, nella località di Cervinia, uno specchio d’acqua color smeraldo riflette il caratteristico profilo del monte Cervino, uno scatto eterno che immortala un immemore connubio naturale: il lago blu. Questo bacino incantato è immerso nelle verdi praterie alpine della Breuil-Cervinia e gode di un paesaggio unico al mondo. Una perla della Val d’Aosta da cui poter affrontare escursioni ad alta quota e ammirare l’immenso massiccio piramidale dal versante italiano.

Questa splendida area montana è un capolavoro di madre natura da apprezzare in loco e da imprimere nella mente come una cartolina. Ecco, infatti, che anche noi abbiamo raggiunto il Monte Cervino per costatare con mano l’esistenza di questa terra magica e antica.

Cervino, matterhorn, escursione, trekking, cervinia lago blu

La leggenda del Monte Cervino

In un tempo remoto, prima che l’erosione iniziasse a delineare l’aspetto odierno delle Alpi, i massicci montuosi creavano una muraglia omogenea dove non vi erano vette. Qui, nella verdeggiante Valtournenche, viveva una colonia pacifica di giganti guidati da Gargantua, il loro sovrano.

Un giorno il re organizzò un banchetto senza precedenti dove vino e cibo abbondarono senza badar ad alcuna spesa. Interi allevamenti furono macellati per essere consumati all’inconsueto evento.

Alla fine della cena i giganti furono colti dalla stanchezza e crollarono in un sonno profondo. Gargantua, invece, vinto dalla curiosità, decise di innalzarsi sopra le montagne per vedere cosa si celasse alle loro spalle. Così, si alzò e con determinazione mosse i primi passi sui pendii rocciosi. Giunto al limite più elevato, Gargantua si mise a scrutare il paesaggio meravigliato da ciò che si presentò dinnanzi ai suoi occhi.

Purtroppo, a causa del peso estremo e del cibo che aveva ingurgitato, le rocce si sbriciolarono sotto i suoi piedi e scivolò a valle con le gambe divaricate. Una volta giù, Gargantua notò che la montagna era franata e che l’unica parte sopravvissuta era quella capitata tra le gambe del gigante. Così nacque il Monte Cervino e la sua forma di piramide affusolata.

Cervinia, Lago blu, riflesso monte cervino

On the road: dal Gran Paradiso al lago blu di Cervinia

Il nostro viaggio on the road ha avuto inizio dalla piccola cittadina montana di Courmayeur, al cospetto del Monte Bianco, ed è proseguito sulla via del parco nazionale del Gran Paradiso alla scoperta delle sue valli incantate.

Dopo la sbalorditiva escursione sul Rifugio Chabod nella Valsavarenche, la nostra attenzione si è volta verso la Valtournenche per riscoprire la zona della Bruil-Cervinia. Qui finalmente abbiamo potuto ammirare il rinomato scenario pittoresco di Cervinia, il lago blu, e il monte Cervino alle sue spalle che si erge orgoglioso dominando sulla valle.

Il giorno precedente siamo stati costretti a vagare nel nostro van per tutto il tempo a causa di condizioni metereologiche disastrose. In pieno luglio, infatti, si è scatenata un acquazzone sull’intera area alpina valdostana che ha infuriato per circa cinque ore senza dar cenni di resa.

Proseguendo sulla nostra via per raggiungere Cervinia, le temperature sono calate drasticamente raggiungendo perfino i 4°C. Inoltre, a bordo strada erano depositati alcuni piccoli cumuli di neve. Una scena straziante che stava abbassando di molto il nostro morale rendendo incerte anche le sorti del futuro del viaggio.

Eppure, dopo aver pernottato la notte in un hotel nel centro di Valtournenche, al mattino tutto il mal tempo sembrava essere svanito. Al suo posto, un cielo blu e profondo aveva preso il sopravvento riportando l’estate in quel luogo che fino al giorno precedente sembrava essere rimasto in pieno inverno. Emozionati dall’inatteso evento, ci siamo tuffati in questa nuova giornata di avventura e ci siamo diretti verso il lago blu, ai piedi del Cervino.

Da Valtournenche abbiamo raggiunto in pochi minuti Cervinia e il famigerato specchio d’acqua dal color smeraldo. Però, prima di fermarci, abbiamo voluto guidare fino alla fine della strada salendo fino agli impianti di risalita della frazione. Infine, abbiamo parcheggiato in una piccola area di sosta a due passi dalla nostra meta. È qui che lo stupore ha preso il sopravvento su tutte le altre emozioni.

Lago blu, Monte Cervino
,-

Il lago blu: il riflesso del Monte Cervino

I paesaggi alpini sono famosi per le caratteristiche praterie verdeggianti, le vette innevate, i laghi dalle tonalità profonde e i tipici panorami ad alta quota. Ecco, Cervinia e il lago blu rispecchiano appieno le classiche descrizioni delle Alpi e stupiscono ancor più per gli scenari quasi irreali. Poco distante, il maestoso monte Cervino sullo sfondo.

Una volta sulla riva del lago, il riflesso del Cervino sembrava essere stato dipinto su tela ad acquerello da chissà quale artista. Le creste delle onde del bacino si propagavano rendendo la visione assolutamente onirica, come proveniente da un mondo inconscio e riscoperto casualmente al suo solo sguardo. In quel vortice di meraviglia, il monte Cervino si stagliava alto e imponente ricordando la maestosità di madre natura.
Raianaraya Nature Experience

Una opinione su "Lago Blu, il riflesso del Monte Cervino – Valtournenche"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...